Tag Archive | lombardia

La città che sale #5: centro direzionale Garibaldi e Torre Pelli

20120413-121149.jpg

Annunci

Icone elettorali 2. Domenico Zambetti e l’Andy Warhol alla lombarda

Domenico Zambetti, assessore all’artigianato e ai servizi in carica in Lombardia, sceglie Andy Warhol per i suoi manifesti elettorali. Eccolo lì, a campeggiare sui muri milanesi con quattro ritratti di colori diversi, alla maniera dell’artista Newyorkese, come Marylin Monroe, Mao e Jackie Kenneedy.

Certo all’assessor Zambetti manca l’allure delle dive e dei personaggi storici che Warhol amò ritrarre, ma che importa in fondo? Non era proprio lui a dire che tutti nella vita hanno diritto a 15 minuti di celebrità? Non era forse il padre della pop art a garantirla con i suoi ritratti seriali che negli anni ’80 fecero la sua fortuna artistica (ma anche economica)?

E allora ecco che anche l’assessore lombardo, in quota Pdl, può concedersi il lusso di un ritratto del maestro. Per entrare di diritto nell’iconografia dei celebri, seppur a livello locale.

Poco importa se l’artista non c’è più, al giorno d’oggi a Zambetti bastano Photo Boot o Photo Shop.

Forse però che la weltanschauung di Zambetti strida un pochino con quella di Andy Wharol?

Roberto Formigoni, l’imbattibile icona lombarda

«Li batteremo sempre.» E’ questo lo slogan degli spot elettorali a ritmo di musica  di Roberto Formigoni, governatore uscente della Lombardia, ricandidato alle prossime elezioni . Sulla sua presidenza, lunga 15 anni, sembrava non tramontare mai il sole, almeno fino al pomeriggio di lunedì scorso.

Roberto Formigoni è la vera icona dell’establishment lombardo: un governo lungo quasi come un papato, uno stile pimpeccabile, curato dai marchi più importanti del pret a portèr milanese. Atletico e attento all’immagine come il life style meneghino impone, l’ultima, rigorosissima, dieta  gli avrebbe fatto perdere quasi 10 chili.

Il Celeste, come lo chiamano i sodali ciellini, cura tutte le categorie del suo popolo: i giovani, a cui si rivolge a ritmo di rap,  come gli anziani. Si preoccupa del lavoro come della bellezza e dell’arte della sua regione, così fa sapere dai suoi accattivanti spot elettorali, scaricabili come suonerie persino su ITunes

Eppure, alle 14.55 del primo marzo, la sua irresistibile e lunga ascesa ha subito una battuta d’arresto. Un lancio d’agenzia  annuncia che la Corte d’Appello non ha ammesso il listino Formigoni, a cui è stata contestata la validità di ben 514 firme. 136 non hanno il timbro tondo del comune, 121 non riportano la data dell’autentica, 229 il luogo dell’autentica, 28 la qualifica dell’autenticatore. Per 79 firme la lista  va sotto il limite richiesto dalla legge di 3500 firme.

A cambiare le carte sul tavolo delle elezioni regionali lombarde è stato un esposto del Radicale Marco Cappato, economista 38enne nel partito di Pannella dalla metà degli anni’90, escluso dalla corsa alla presidenza per mancanza di firme a sostegno della candidatura.

Per una volta Davide potrebbe far tremare Golia.

La non ammissione della lista “Per la Lombardia” di Roberto Formigoni farebbe cadere anche il cosiddetto “listino”, ovvero le altre liste provinciali  della regione collegate a quella del candidato presidente. Ma il governatore continua a mostrarsi tranquillo: «Tutte le liste che abbiamo presentato sono valide e abbiamo fatto ricorso alla Corte d’appello».  L’esclusione del listino appare a tutti come un’eventualità molto remota, per il coordinatore regionale Guido Podestà è «pura ipotesi d’accademia.»

Anche per Filippo Penati, candidato al Pirellone per il centro-sinistra, l’esclusione di Formigoni «Sarebbe un dato clamoroso,»ma conclude «la legge è uguale per tutti.»

La corte d’appello boccia il ricorso, ma Formigoni non molla presenta ricorso al Tar e nel pomeriggio di sabato, tra le polemiche, lo vince.

Il Presidente può continuare la sua corsa, il suo trono, per ora, è salvo, può sperare di allungare di altri 5 anni il suo regno.

Con buona pace di timbri tondi, firme, listini e  di una legge, la 165/2004, che impedirebbe di candidarsi alle presidenza regionale per più di due mandati consecutivi.

Ma questo non riguarda Super Formigoni che tanto “li batterà sempre”.