Otto marzo, festa della donna. Tra retorica e conquiste

L’otto marzo è una ricorrenza doverosa, nelle origini, ma sempre più gonfia di retorica. Il ruolo della donna è complesso: le sfide aumentano, così come gli spazi, che rimangono comunque difficili da conquistare.

Oggi i social network traboccano di status sentiti e di tweet  su questa festa. C’è chi fa, semplicemente, gli auguri, chi propone nuove inziative, chi chiede parità, chi denuncia il femminicidio, chi dice che la mimosa fa schifo ed  è un insulto all’emancipazione. Uno tra i tanti, verrebbe da dire.

814leduefrida

Sono le donne a scrivere messaggi accorati, ma anche gli uomini. Per quanto riguarda le prime c’è da augurarsi che tra loro non ci siano quelle che odiano le altre donne, che fanno le suffragette e poi si sottomettono a mariti e fidanzati, che alimentano stereotipi e discriminazioni del genere femminile. Tra i secondi invece speriamo non si nascondano datori di lavoro che lasciano a casa chi rimane incinta, ma nemmeno quelli che, per tutelare chi é in maternità, fanno lavorare doppio tutte le altre. Quelli che amano talmente tanto le donne da volerle tutte, fino a diventare traditori seriali, che scaricano ogni incombenza su madri, sorelle, mogli, che promettono scatti di carriera in cambio di favori sessuali. Anche se questo, spesso, è un concorso di colpe.

Io l’8 marzo voglio festeggiarlo riproponendo le storie di donne speciali che ho avuto la fortuna di incontrare per  lavoro.

Sono storie di solidarietà, coraggio e lavoro. Sarebbe bello leggerne sempre di più, in tutto il mondo.

Monica Gallo e le Fumne del carcere di Torino

Rosy Canale e le donne contro la n’drangheta

Rasoslava Petrova e le pescatrici di Bio e Mare

Tag:, , , ,

About micolsarfatti

Giornalista professionista, ex studentessa del Master in giornalismo IFG-Walter Tobagi di Milano. Vera indole scorpionica, perennemente inquieta e curiosa. La passione per le immagini e la comunicazione visiva nasce ai tempi della tesi sulla propaganda cartellonistica repubblicana durante la Guerra Civile spagnola. Mi piace scrivere di icone e iconografie, ma anche di attualità, temi sociali, lifestyle, ambiente e esteri, soprattutto Russia e Israele. Ho scritto per Il Riformista, Il Fatto Quotidiano, City, GQ, A, Sette, Terre di Mezzo, Articolo 21, Where Milan et alii. Ho raccontato storie per RSI Radio Svizzera Italiana e girato video per GQ.com e A. Per contattarmi: immaginario104@gmail.com Twitter @micolsar

One response to “Otto marzo, festa della donna. Tra retorica e conquiste”

  1. laurin42 says :

    Mi piacciono le mimose. Il loro colore giallo dorato e luminoso è l’annuncio della primavera
    Non mi piacciono le celebrazioni che accontentano la coscienza di chi di coscienza ne ha poca.
    Mi piacciono le mimose. Il giallo dorato si accende al primo calore del sole di stagione.
    Non mi piace che si divida l’umanità in categorie.
    Mi piacciono le mimose. Spontaneamente offrono il loro profumo inebriante.
    Non mi piace che si creino delle categorie incasellate per sempre in un luogo senza sfumature.
    Mi piacciono le mimose. I fiori sono soffici, impalpabili eppure consistenti.
    Non mi piace che si voglia ricordarmi chi sono e cosa faccio un giorno all’anno.
    Mi piacciono le mimose.
    Mi piacciono tutti i fiori e i loro colori, mi piace la natura che spontaneamente offre colori e profumi da sempre e per sempre.
    Mi piace credere che l’umanità intera, pur con le sue diversità, cammini insieme in armonia
    per costruire il futuro.
    Ieri, oggi e domani.
    Love L

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: