Silvio Berlusconi #ancoratu. Dal viale del tramonto all’Araba Fenice

Prima l’addio alla politica, poi la condanna a 4 anni nell’ambito del processo Mediaset.

Il crollo della giunta di Roberto Formigoni e Nicole Minetti, il Milan che non va.

Silvio Berlusconi in conferenza stampa

Persino il flop di Dallas, la serie più iconica dell’edonismo ann’80 e simbolo del suo trionfo televisivo.

Per Silvio Berlusconi sembrava davvero arrivata la fine. Il suo annuncio di ritiro rievocava l’immagine di Gloria Swanson nel viale del tramonto.

Gloria Swanson ne “Il viale del tramonto”

E invece no. Prima ritorna dicendo che deve combattere lo strapotere della magistratura, poi convoca una conferenza stampa. Quando prende la parola è irriconoscibile: affaticato con voce tremante e lineamenti stravolti, ma alla fine risfodera la verve.

Accusa, si discolpa, spariglia. Il piglio non è quello di una volta, ma è comunque un’araba fenice risorta dalle proprie ceneri.

La Fenice

Chi ha fatto del palcoscenico e dei riflettori la chiave della propria esistenza, politica e personale, difficilmente riesce a farne senza. Anche se la credibilità non ce più. Ad ogni modo in poche ore B. è tornato protagonista assoulto: giornali, siti, tv, radio e persino una delle poche terre da lui, ancora, inesplorata. Quella dei social network. Su twitter, l’hashtag di battistiana memoria #ancoratu, creata dal geniale blog collettivo @nomfup, è diventata secondo trend mondiale. A questo punto, parafrasando un altro cantautore, “voglio proprio vedere come va a finire” e dove potrà ri-arrivare il cavaliere.

Note a margine. In un Paese civile, quello che in tanti hanno detto essere stato ridicolizzato proprio da Berlusconi, non si esulta né ci si strugge per una sentenza. Per quello ci sono, eventualmente, gli stadi.

Tag:, , , , , , ,

About micolsarfatti

Giornalista professionista, ex studentessa del Master in giornalismo IFG-Walter Tobagi di Milano. Vera indole scorpionica, perennemente inquieta e curiosa. La passione per le immagini e la comunicazione visiva nasce ai tempi della tesi sulla propaganda cartellonistica repubblicana durante la Guerra Civile spagnola. Mi piace scrivere di icone e iconografie, ma anche di attualità, temi sociali, lifestyle, ambiente e esteri, soprattutto Russia e Israele. Ho scritto per Il Riformista, Il Fatto Quotidiano, City, GQ, A, Sette, Terre di Mezzo, Articolo 21, Where Milan et alii. Ho raccontato storie per RSI Radio Svizzera Italiana e girato video per GQ.com e A. Per contattarmi: immaginario104@gmail.com Twitter @micolsar

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: