Cerimonia di inaugurazione #Londra2012. Tra pop e futuro

Nella cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Londra c’era tutta l’iconografia inglese. La Regina, Mary Poppins, James Bond e Mr. Bean , con la colonna sonora di Beatles, rappresentati live anche da un ottimo Paul Mc Cartney, Rolling Stones, Sex Pistols e Amy Winehouse. Nello stadio olimpico sono risuonate persino le note dei Prodigy. A guardare l’immenso show ci si rendeva subito conto di come l’immaginario pop britannico sia poi quello di quasi tutto il mondo. Come a dimostrare che, anche in tempi di basso impero, il soft power è sempre cosa da anglosassoni. Ultimo baluardo di potere in tempi di recessione.

I giovani tedofori

 

Eppure l’ormai ex “Cool Britannia” ha dimostrato di essere ancora un paese con gli occhi puntati al domani. I tanto attesi ultimi tedofori erano sette giovani promesse dello sport inglese, indicate da altrettanti campioni britannici, in un simbolico passaggio di consegne. Niente star o reali, come in molti avevano pronosticato, ma il simbolo di un futuro, si spera, più radioso. L’Inghilterra sa ancora fare scuola, di pensiero.

Annunci

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: