Sorridi, sei in uno scatto d’autore. Le fotografie dietro lo specchio di Moa Karlberg

La Svezia è un Paese liberale e all’avanguardia. Lo è anche con artisti e giornalisti, per questo guardati con invida dai colleghi di altre Nazioni, a cominciare dalla nostra.

Lo sa bene Moa Karlberg, fotografo, autore  del progetto Watching You Watching me, in cui, come racconta l’artista “si indaga il rapporto tra le leggi e la possibilità del fotografo di avvicinarsi il più possibile ai suoi soggetti”.

I passanti ignari sono stati ritratti attraverso uno specchio trasparente dal lato di Karlberg e riflettente da quello delle persone. Erano inconsapevoli della presenza della macchina fotografica al di là del vetro.

Il risultato sono dei primi piani di volti che si guardano allo specchio: ora corrucciati, ora assorti, a volte quasi stupiti. Tutti molto naturali e non posati.

“Le foto sono state scattate in luoghi pubblici, in Svezia non ci sono norme particolari a riguardo, per cui sono libero di pubblicare dove voglio”, ricorda Karlberg “Questo progetto è un tentativo di generare un rapporto con l’etica e le leggi che ruotano attorno alla fotografia e alle foto d’autore”.

Chissà se gli inconsapevoli passanti sono contenti di riscoprirsi improvvissati modelli?

E se sì in quale rivista, blog o sito preferirebbero comparire?

Forse, in tempi di spasmodica ricerca di fama e di auto-sovraesposizione digitale da social network, non tutti tengono ancora così tanto alla privacy.

Annunci

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: