Il mito fotografa i miti. Il nuovo immaginaro del calendario Pirelli firmato Karl Lagerfeld

Addio alle solite spiagge caraibiche e a pose super sensuali, benvenute divinità dai corpi scattanti, vestite solo di riflessi argentati e ritratte su sfondo nero. Ecco Mythology, il calendario Pirelli 2011.

Karl Lagerfeld al lancio del calendario Pirelli a Mosca

Il tempo è ormai scandito dagli apparecchi digitali e il vecchio almanacco cartaceo da appendere al muro sembra un oggetto superato. Ma il Pirelli non è un calendario qualunque, non a caso lo chiamano The Cal, e, come tutte le icone non invecchia, ma si rinnova. Quest’ anno è firmato dallo stilista e fotografo tedesco Karl Lagerfeld, che si diverte a immortalare e reinterpreatre un mito dell’immaginario collettivo, usando come chiave di lettura proprio la mitologia e fondendo la cultura greca a quella romana.

Daria Werbrowy è Artemide

Quindici top model, tra cui l’italiana Bianca Balti, cinque modelli, capitanati dal ventunenne marsigliese Baptiste Giabiconi, musa di Karl Lagerfeld, e la star di Holywood Julianne Moore (che posa nuda a cinquant’anni) interpretano l’Olimpo. Ci sono Artemide, Bacco e le Baccanti, Apollo, Ermes e, naturalmente, Zeus e Giunone.

Garett Nelf interpreta Bacco. Le sue Baccanti sono Bianca Balti e Isabeli Fontana

Ma c’è anche Aiace, interpretato dalla modella texana Erin Wassen, vestita solo di elmo e copricollare, la quintessenza dell’ispirazione di Lagerfeld che ha dichiarato: “Sono stanco dell’erotismo banale, fatto di pizzo e giarrettiere”. Per questo lo stilista di Chanel e Fendi ha scelto di scattare in bianco e nero, colori prediletti anche per le sue creazioni. Niente effetti speciali, ma solo un sapiente gioco di luci messo a punto sul set parigino.

Julianne Moore è Giunone

Il risultato sono 36 immagini d’autore raffinate, incisive e in grado di trasmettere una sensualità atletica, con il tocco in più dell’inusuale presenza maschile. È Il trionfo di una bellezza essenziale, lontana dalla sensualità pecoreccia che ormai impera in tanti scatti pubblicitari, ma forse un po’ asettica. Un’estetica che è segno di questi tempi di corpi sempre più androgini, lontani anni luce dall’immaginario sinuoso delle dee classiche, ma anche dalla sensualità esplosiva e raffinata delle edizioni precedenti del Pirelli. Lagerfeld impone così ai pochi e fortunati possessori del calendario una nuova iconografia femminile; ma infondo il ruolo dei miti e delle icone è proprio quello di interpretare e precorrere i tempi.

Annunci

Tag:, , , , ,

2 responses to “Il mito fotografa i miti. Il nuovo immaginaro del calendario Pirelli firmato Karl Lagerfeld”

  1. notitiae says :

    Bellissima la foto, complimenti anche per il blog..
    Da NotitiAE, un contributo alla fotografia…
    http://notitiae.wordpress.com/2010/09/09/manuale-della-fotografia-digitale-ed-analogica-professionale-e-artisitca/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: