Icone femminili: Ipazia

Fino a poco tempo fa Ipazia era un personaggio per pochi intellettuali raffinati. Da qualche giorno, invece,  il bel volto dell’attrice inglese Rachel Weisz l’ha resa popolarissima, un’icona da copertina. Potere dei media, cinema, stampa e tv, che a volte riescono a rendere popolari e “mainstream” anche personaggi che di popolari non sono e, soprattutto,  non assimilabili con le icone, chiamiamole così, d’oggi.

Ipazia era una filosofa e scenziata,  pagana, di epoca alessandrina. Figlia di un esponente della aristocrazia ellenica era considerata il capo della scuola neoplatonica alessandrina. Venne assassinata nel 413 d. C, seviziata e uccisa da un gruppo di cristiani fanatici, vittima del più insensato fondamentalismo religioso.

Rachel Weisz in una scena di Agorà

Ora il regista spagnolo Alejandro Amenebàr le rende omaggio con Agorà, kolossal presentato l’anno scorso al Festival di Cannes, che ha stizzito il Vaticano.

Amenebar è rimasto affascinato dalla figura di Ipazia e “dall’idea di rappresentare la scienza attraverso una donna che, in un’epoca di intolleranza, voleva diffondere la conoscenza con una mentalità aperta e tollerante”.

Il film restituisce una rappresentazione femminile senza alcuna implicazione sessuale o amorosa, completamente dedicata alla scienza, ma estremamente delicata. Ipazia non si sposò mai e non ebbe figli, impegnò tutta la sua, breve, vita nello studio, per scelta e non per imposizione.

Un’icona classica di straordinaria modernità.

Annunci

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: