Neve gialla e Lambro nero, impressoni di natura violata

Sull’isola russa di Sakhalin, nel mare di Ohotsk, a nord del Giappone, nevica giallo. La colpa è dell’inquinamento atmosferico prodotto dagli scarichi delle molte raffinerie di petrolio presenti sull’isola. Per qualcuno potrebbe trattarsi di un fenomeno legato all’attività eruttiva dei vulcani presenti sull’isola. Ma questo non giustifcherebbe l’odore di petrolio.

Mentre in Russia nevica giallo il nostro Lambro lombardo-emiliano diventa sempre più nero. Anche qui la colpa e’ delle raffinerie e degli idrocarburi combustibili che hanno fatto fuoriuscire nel fiume.
La natura cambia, inquietantemente, tonalità.
Anche nei quadri impressionisti i colori reali cedevano il passo a quelli irreali, dettati dalla fantasia e dal sentimento pittorico.


Nei quadri di Monet i cieli dorati erano frutto delle impressioni d’artista. Nella realtà la neve gialla e l’acqua nera del Lambro non sono che il frutto del non rispetto dell’uomo verso la natura.

Annunci

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: