Cosa resterà di questi spettacolari anni zero?

Fine d’anno e fine  decennio. Tanti i i cambiamenti e le rivoluzioni sociali dell’ inizio di  questo millennio che  sancisce la vittoria definitiva della società dello spettacolo, per dirla con Guy Debord.  Non a caso ad aprire il decennio sono stati, nel 2001, la prima edizione del Grande Fratello e l’Hollywood di Cattelan.

L’opera dell’ormai non più enfant terrible dell’arte italiana, sempre pronto a scatenare dibattiti e polemiche, è una replica perfetta della scritta Hollywood, installata sulle colline di Palermo in occasione della 49a Biennale di Venezia.

Questo gigantesco ready made ha fatto da titoli di testa a un decennio in cui l’Italia è diventata provincia, anzi suddita, della televisione. Le immagini sono al potere e la nostra immaginazione si addormenta sempre di più. Non è forse un caso se lo stesso Cattelan, qualche anno dopo, ha impiccato il futuro, rappresentato da fantocci di bambini, a una quercia nel centro di Milano.

La conclusione più ovvia della battaglia tra realtà e finzione, tutti si indignarono, in pochi capirono il vero, sconfortante, messaggio.

Nessuno, o quasi, si indigna per quello che passa in tv

Speriamo almeno in un decennio migliore.

A tutti buon anno!

Annunci

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: